Programmazione

GSON – Guida rapida per principianti

30 ottobre 2021

Sommario

Cos'è GSON?

Gson , indicato anche come Google Gson, è una libreria basata su Java utile per serializzare e deserializzare oggetti Java. In altri termini, Gson viene utilizzato per trasformare oggetti Java in JSON modulo. Converte anche qualsiasi stringa JSON nel rispettivo oggetto Java.

Gson consente agli utenti di personalizzare gli oggetti Java e supporta ampiamente Java Generics. Utilizza due metodi semplici, toJson() per convertire l'oggetto Java in una stringa JSON e fromJson() per convertire la stringa JSON in un oggetto Java. Uno degli obiettivi significativi di Gson è convertirli Giava oggetti nella rispettiva stringa JSON, che non sono modificabili.

Gson include serializzatore e deserializzatore. Il serializzatore Gson consente di trasformare la stringa JSON nel rispettivo oggetto Java. È possibile serializzare diversi oggetti Java simili. D'altra parte, Gson deserializer trasforma l'oggetto Java nella sua stringa JSON separata.

Caratteristiche di Gson:

Ecco alcune delle caratteristiche più desiderabili di Gson.

  • Gson è una libreria Google open source, che è una libreria standardizzata supportata dai generici Java.
  • Questa libreria di Google supporta anche oggetti complessi con gerarchie di ereditarietà. Supporta anche classi nidificate.
  • Durante la serializzazione e la deserializzazione di oggetti Java, Gson aiuta gli utenti a creare un serializzatore e un deserializzatore personalizzabili. Consentirà agli utenti di avere il controllo sul processo. Inoltre, puoi deserializzare quegli oggetti Java il cui codice non è disponibile o accessibile.
  • Un'altra caratteristica di Gson è che è altamente personalizzabile. Gli utenti possono decidere se devono stampare un output complesso o un output leggibile.
  • Gson richiede meno memoria ed è molto veloce e veloce.
  • Dipende solo dal Java Development Kit (JDK) e non richiede altre librerie esterne.

Come elaborare JSON?

Esistono tre diversi modi per elaborare JSON offerti dalla libreria Gson, dall'API di streaming, dal modello ad albero e dall'associazione dati. Discutiamo di ogni modulo di elaborazione JSON.

API di streaming

Nel metodo dell'API di streaming di elaborazione JSON, tutto il contenuto JSON viene letto e scritto come eventi discreti. I dati JSON vengono letti utilizzando JsonReader e scritti utilizzando JsonWriter. JsonReader e JsonWriter trattano i dati JSON come un token. Questo token è denominato JsonToken. Il metodo dell'API di streaming per l'elaborazione di JSON è il metodo più efficace e più rapido rispetto agli altri due. Esegue operazioni di lettura e scrittura in modo rapido e veloce.

Modello ad albero

Un altro metodo di elaborazione JSON è il modello ad albero. Nel modello ad albero, il contenuto JSON è rappresentato come una struttura ad albero. Questa struttura ad albero di dati JSON contiene nodi JsonObjects. Il modello ad albero è il metodo più flessibile per l'elaborazione di JSON. È lo stesso di quello del parser DOS dell'XML.

Associazione dati

L'approccio di associazione dati per l'elaborazione di JSON utilizza la funzione di accesso alla proprietà. La funzione di accesso alla proprietà trasforma JSON in Normale vecchio oggetto Java (POJO) e viceversa. Sono disponibili adattatori del tipo di dati nell'approccio di associazione dati, che esegue Jsonreads e Jsonwrites. Questo metodo di associazione dati è lo stesso di quello del parser JAXB di XML.

Configurazione ambientale di Gson

Se il tuo sistema non ha una configurazione dell'ambiente Java locale, devi prima configurarla. La configurazione dell'ambiente Java sul tuo sistema è molto semplice e gestibile. Ecco una guida completa per te sulla configurazione di un ambiente Java locale. Seguire in sequenza i passaggi elencati di seguito per impostare correttamente un ambiente Java locale.

  • Innanzitutto, devi scaricare JavaSE da sito web . Assicurati di scaricare la versione JavaSE compatibile con il sistema operativo del tuo computer.
  • Scarica il file JavaSE e segui le istruzioni visualizzate durante l'installazione. JavaSE verrà installato sul tuo sistema.
  • Dopodiché, hai impostato il percorso corretto delle variabili ambientali.

Passaggi per l'impostazione del percorso per Windows 2000/XP

Sposta il file JavaSE che hai scaricato dal sito Web sopra nella directory C/Programmi/java/jdk dell'unità locale. Quindi, vedere i passaggi seguenti per impostare il percorso per le variabili ambientali.

  • Vai su 'Risorse del computer' e fai clic con il pulsante destro del mouse su di esso. Noterai 'Proprietà' e fai clic su di esso.
  • Successivamente, vai alla 'scheda Avanzate' e fai clic sul pulsante 'Variabili ambientali'.
  • Controlla il percorso. Cambia il percorso nella directory jdk, dove abbiamo conservato il file JavaSE scaricato. Se il percorso corrente è 'C:WINDOWSSYSTEM32', cambialo in 'C:WINDOWSSYSTEM32;c:Programmijavajdkin'.

Passaggi per l'impostazione del percorso per Windows 95/98/ME

Dopo aver scaricato il file JavaSE, spostarlo nella directory C/Programmi/java/jdk. Per impostare il percorso su Windows 95/98/ME, attenersi alla seguente procedura:

  • Vai al file 'C:autoexec.bat'. Successivamente, aggiungi 'SET PATH=%PATH%;C:Program Filesjavajdkin' alla fine di 'C:autoexec.bat'.

Passaggi per configurare il percorso per i sistemi Linux, Solaris, FreeBSD e UNIX

Per i sistemi Linux, Solaris, FreeBSD e UNIX, devi impostare PATH nel punto in cui sono installati tutti i binari Java. Ad esempio, usa bash your shell. Utilizzare la seguente riga di codice per impostare il percorso.

'.bashrc: export PATH=/path/to/java/java:$PATH'.

Come impostare un ambiente Gson?

Dopo aver impostato il percorso Java, ecco i passaggi rimanenti per configurare l'ambiente JSON del tuo sistema.

  • Innanzitutto, devi scaricare l'archivio Gson. Assicurati di scaricare l'ultima versione dell'archivio Gson. Scarica l'archivio Gson o il file jar Gson da gson-2.3.1.jar. Per i sistemi Microsoft Windows, Linux e macOS, il nome del file di archivio JSON è 'gson-2.3.1.jar'. Dopo aver scaricato il file gson-2.3.1.jar, copialo nella cartella C:>gson.
Sistema operativo Nome del file di archivio
Microsoft Windowsgson-2.3.1.jar.
Mac OS Xgson-2.3.1.jar.
Linuxgson-2.3.1.jar.
  • Il passaggio successivo consiste nell'impostare il percorso per la variabile di ambiente GSON_HOME. Devi correggere il percorso della variabile di ambiente GSON_HOME nel punto in cui si trova il tuo file gson-2.3.1.jar sul sistema. Per diversi sistemi operativi, il percorso dell'ambiente GSON_HOME è diverso. La tabella seguente ti guiderà nella modifica del percorso corrente del tuo sistema nel percorso GSON.
Sistema operativo Risultato
Microsoft WindowsModificare la variabile ambientale da GSON_HOME a C:gson.
Mac OS XSegui il comando seguente per modificare la variabile ambientale su macOS.exportGSON_HOME = /usr/local/gson
LinuxSegui il comando seguente per modificare la variabile ambientale su Linux systems.exportGSON_HOME = /Library/gson
  • Dopo aver impostato il percorso JSON per la variabile di ambiente GSON_HOME, è necessario impostare CLASSPATH della variabile di ambiente. Correggi la variabile di ambiente CLASSPATH nella posizione in cui si trova il file jar Gson.
Sistemi operativi Risultato
Microsoft Windows% CLASSPATH%;% GSON_HOME% gson-2.3.1.jar;.;
Mac OS Xexport CLASSPATH = $ CLASSPATH: $ GSON_HOME / gson-2.3.1.jar :.
Linuxexport CLASSPATH = $ CLASSPATH: $ GSON_HOME / gson-2.3.1.jar :.

Esempio di Gson Java

Abbiamo visto come configurare un ambiente Java locale e un ambiente Gson su Windows, Linux e sistemi operativi macOS. Una volta impostato tutto il necessario per eseguire il codice Gson, sei pronto per eseguire qualsiasi applicazione. Puoi provare tu stesso un esempio sul tuo sistema.

Per provare l'esempio di Gson qui sotto, puoi usare uno qualsiasi dei popolari editor Java, come Bloc notes , fagioli di rete , o Eclisse . Blocco note è uno dei tipici editor di testo utilizzati per scrivere il codice Java. Se hai un sistema Windows, puoi utilizzare l'editor di testo del Blocco note per scrivere il codice Java. L'altra piattaforma è Netbeans. È un Ambiente di sviluppo integrato (IDE) . Puoi scaricare Netbeans sui tuoi sistemi Windows, Linux, Solaris e macOS. Un altro editor di testo per Java è Eclipse. Server Eclipse come editor di testo per più linguaggi di programmazione. Puoi scaricare Eclipse su sistemi Windows, Linux e macOS.

Prima di vedere l'esempio Gson, ricorda di creare il file Java con il nome 'GsonEmployee', che è il nome della classe Java. Successivamente, assicurati che il tuo file Java 'GsonEmployee' sia presente in C:>GSON_WORKSPACE. Salva il tuo file in questa directory con estensione .java.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Segui i passaggi indicati di seguito per eseguire il codice Gson sopra.

  1. Completa il codice sopra usando la parola chiave 'javac'.
|_+_|
  1. Dopo la compilazione, esegui il codice usando la parola chiave 'java'.
|_+_|
  1. Il risultato del codice Gson sopra verrà visualizzato se non ci sono errori nel codice.
|_+_|

Ecco una semplice guida per la creazione, la serializzazione e la deserializzazione dell'oggetto Gson.

  • Innanzitutto, devi creare un oggetto Gson riutilizzabile usando la funzione GsonBuilder().
|_+_|
  • Dopo aver creato un oggetto Gson, devi deserializzare la stringa JSON in un oggetto Java. A questo scopo, utilizziamo la funzione fromJson(). In questa funzione, devi passare due parametri, la stringa JSON e il tipo di oggetto.
|_+_|
  • Successivamente, è necessario serializzare un oggetto Java nella stringa JSON utilizzando la funzione toJson(). Questa funzione richiede un solo parametro, un oggetto.
|_+_|

Gson - Serializzazione di oggetti

La serializzazione dell'oggetto Gson implica la lettura dell'oggetto Java in un documento JSON e quindi la lettura del documento JSON in un oggetto Java. Facci sapere come avviene la serializzazione degli oggetti Gson con un esempio. Prendiamo lo stesso esempio Impiegato, come discusso sopra. Abbiamo visualizzato l'ID, il nome, l'età e la posizione del dipendente. In questo esempio, mostreremo lo stesso risultato e osserveremo la serializzazione degli oggetti Gson.

Allo stesso modo, devi creare una classe denominata GsonEmployee e posizionare questo file in C:>GSON_WORKSPACE. Ricordarsi di salvare il nome del file come GsonEmployee.java.

Esempio

|_+_|

Produzione:

Per eseguire il codice sopra, devi seguire i passaggi sopra specificati.

  • Per compilare il codice, utilizzare la parola chiave 'javac'.
|_+_|
  • Una volta compilato, esegui il codice usando la parola chiave 'java'.
|_+_|
  • Il risultato di questo codice sarà lo stesso del precedente, visualizzando il nome, l'età e la posizione del dipendente.
|_+_|

Classe Gson

Abbiamo visto come serializzare l'oggetto Gson. In altri termini, abbiamo letto l'oggetto Java nella sua stringa JSON equivalente e la stringa JSON nel rispettivo oggetto Java. Ora ci sposteremo verso la classe Gson.

Gson è la classe principale e significativa della libreria Gson di Google. La classe Gson è responsabile della conversione di oggetti Java in stringhe JSON e stringhe JSON nei rispettivi oggetti Java. Per la classe Gson, è necessario utilizzare prima la funzione GsonBuilder(), quindi utilizzare le funzioni toJson() e fromJson() per leggere e scrivere stringhe JSON. Di seguito è riportata la sintassi della dichiarazione di classe per com.google.gson.Gson.

Sintassi:

|_+_|

Costruttore Gson

C'è un costruttore Gson da usare nel codice Java. È definito come, Gson(). Il costruttore Gson() crea l'oggetto Gson. Poiché non ci sono parametri passati a Gson(), richiede la configurazione predefinita.

Metodi di classe Gson

Ora ci sposteremo verso i metodi di classe Gson. Di seguito sono riportati alcuni metodi di classe Gson efficaci con la loro descrizione.

    T fromJson(JsonElement json, Class classOfT):

Il metodo della classe Gson sopra utilizza un particolare albero di analisi per deserializzare il Json letto da esso nel tipo di oggetto specifico.

    T fromJson(JsonElement json, Type typeOfT):

Questo metodo di classe Gson viene utilizzato anche per lo stesso scopo del metodo precedente. Usa il Json letto dall'albero di analisi specifico e lo converte nel suo tipo di oggetto equivalente.

    T fromJson(Reader json, Type typeOfT):

Il metodo della classe Gson sopra prende Json letto da un particolare lettore e lo deserializza nel tipo di oggetto specifico.

    T fromJson (lettore JsonReader, tipo typeOfT):

Puoi utilizzare il metodo della classe Gson sopra per leggere la stringa o il valore JSON successivo da un particolare lettore. Dopo la lettura, questo metodo trasforma il valore JSON nell'oggetto typeOfT.

    T fromJson(Reader json, Class classOfT):

Questo metodo di classe Gson prende il JSON letto dal lettore specifico e lo deserializza nell'oggetto classe specificato.

    TypeAdapter getDelegateAdapter (TypeAdapterFactory skipPast, tipo TypeToken):

Quando è necessario un adattatore di tipo alternativo per un tipo particolare, è possibile utilizzare il metodo della classe Gson sopra.

    TypeAdapter getAdapter(Tipo di classe):

Questo metodo di classe Gson viene utilizzato per ottenere l'adattatore di tipo per il tipo specifico.

    T fromJson(String json, Class classOfT):

Quando desideri deserializzare qualsiasi stringa JSON in un oggetto di classe specifico, puoi utilizzare il metodo della classe Gson sopra.

    TypeAdapter getAdapter (tipo TypeToken):

Se vuoi ottenere l'adattatore di tipo per un tipo particolare, questo è ancora un metodo Gson da utilizzare.

    T fromJson(String json, Type typeOfT):

Il metodo della classe Gson sopra converte la stringa JSON in un oggetto di un tipo particolare.

    void toJson (Oggetto src, scrittore allegato):

Per serializzare l'oggetto Java specifico nella rispettiva rappresentazione JSON, viene utilizzato il metodo Gson sopra.

    void toJson(JsonElement jsonElement, scrittore JsonWriter):

Il metodo della classe Gson sopra viene utilizzato per scrivere JSON nello scrittore per jsonElement.

    String toJson(JsonElement jsonElement):

Gli elementi JSON sono disposti in una struttura ad albero. Quando desideri rappresentare elementi JSON nella loro rappresentazione equivalente, devi utilizzare il metodo Gson sopra.

    Stringa in Json(Oggetto src):

Il metodo sopra è un altro metodo Gson utilizzato per serializzare un particolare oggetto Java nella rispettiva stringa o rappresentazione JSON.

    void toJson(JsonElement jsonElement, scrittore allegato):

Per tutti i JsonELements in un albero, il metodo della classe Gson sopra scrive il loro JSON equivalente.

    void toJson(Object src, Type typeOfSrc, Appendable writer):

Questo metodo Gson viene utilizzato per serializzare l'oggetto specifico nella rispettiva stringa JSON. Serializza anche oggetti di tipo generico.

    JsonElement toJsonTree(Object src):

Il metodo Gson sopra converte un particolare oggetto Java nel rispettivo valore JSON. Rappresenta il valore JSON nell'albero JsonElements.

    String toJson(Object src, Type typeOfSrc):

Anche in questo caso, il metodo sopra è un metodo nella classe Gson, che converte gli oggetti Java specifici, inclusi tutti i tipi generici, nei rispettivi valori JSON.

    void toJson(Object src, Type typeOfSrc, JsonWriter writer):

Questo metodo Gson viene utilizzato per scrivere l'src del tipo typeOfSrc nella sua rappresentazione JSON per lo scrittore.

    JsonElement toJsonTree(Object src, Type typeOfSrc):

Il metodo precedente converte un particolare oggetto Java, inclusi tutti i tipi generici, nella rappresentazione JSON specifica. Rappresenta il valore JSON nell'albero JsonElements.

La classe Gson eredita tutti i metodi precedenti dalla classe java.lang.Object. Vediamo un esempio che mostra l'ID dipendente, il nome, l'età e la posizione. Assicurati di utilizzare il nome della classe uguale a quello del nome del tuo file. Considera che abbiamo archiviato il nostro file Java in C:/>GSON_WORKSPACE. Nell'esempio riportato di seguito, il nome del file è GsonEmployee2.java.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Dopo aver scritto il codice Java e averlo salvato con un nome simile al nome della classe, è necessario compilarlo. Utilizzare il comando seguente per la compilazione.

|_+_|

Il file java, GsonEmployee2.java, viene compilato.

Dopo la compilazione, l'hai eseguito usando il comando seguente.

|_+_|

L'output verrà visualizzato come segue:

|_+_|

Data Binding in Gson

Abbiamo visto tre diverse forme di elaborazione JSON fornite da Gson. Uno dei moduli di elaborazione JSON in Gson è Data Binding. Utilizzando il modulo di elaborazione del data binding, puoi trasformare JSON in Plain Old Java Object (POJO) e POJO in JSON. La conversione tra JSON e POJO avviene utilizzando la funzione di accesso alla proprietà o le annotazioni. Le annotazioni della funzione di accesso alle proprietà sono di due tipi diversi, Primitives Data Binding e Objects Data Binding.

Primitive Data Binding: Questa funzione di accesso o annotazione della proprietà trasforma JSON nell'oggetto di vari tipi di dati Java, come Maps, Strings, Booleans, Lists e Null. Converte anche tutti questi tipi di dati oggetto menzionati in JSON.

Associazione dati oggetti: L'associazione dati degli oggetti converte qualsiasi valore JSON in tipo JAVA e viceversa.

L'approccio di data binding per l'elaborazione di JSON è simile all'analisi JAXB di XML. Gson può leggere e scrivere valori JSON in uno qualsiasi dei due tipi di data binding precedenti. Studiamo ogni tipo di data binding in dettaglio di seguito.

Primitive Data Binding

Primitives L'approccio di associazione dei dati per l'elaborazione di JSON converte il valore JSON in uno qualsiasi dei tipi di dati Java. Nell'approccio del data binding, Gson offre diversi adattatori integrati. Questi adattatori vengono utilizzati per serializzare e deserializzare i tipi di dati primitivi. Cerchiamo di comprendere il metodo di associazione dei dati delle primitive di Gson per l'elaborazione di JSON utilizzando un esempio.

Di seguito è riportato un esempio che mostra la conversione tra i tipi di dati primitivi JSON e Java. Devi ricordare che il nome del tuo file dovrebbe essere lo stesso del nome della classe. Salva il tuo file in C:>GSON_WORKSPACE. Nell'esempio seguente, il nome del file è GsonEmployee3.java.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Innanzitutto, è necessario compilare il codice sopra utilizzando il comando seguente.

|_+_|

Dopo la compilazione, è necessario eseguire il codice utilizzando il comando seguente.

|_+_|

Verrà visualizzato il seguente output.

|_+_|

Qui puoi osservare chiaramente la differenza tra l'output generato dopo la serializzazione e la deserializzazione utilizzando l'approccio di associazione dati primitive.

Associazione dati oggetti

Ora, ci sposteremo verso l'approccio Objects Data Binding di Gson per l'elaborazione di JSON. Questo approccio associa il valore JSON a qualsiasi tipo JAVA e qualsiasi oggetto Java alla rispettiva rappresentazione JSON. Il processo di associazione dei dati degli oggetti è spiegato di seguito:

  1. Innanzitutto, devi creare un'istanza Gson usando il metodo Gson().
|_+_|
  1. Ora, converti l'oggetto Java nel valore JSON. Considera l'oggetto Java come emp per la classe, Employee.
|_+_|
  1. Infine, converti il ​​valore o la stringa JSON nel rispettivo oggetto Java. Considera la classe Employee e prendi un oggetto come emp1.
|_+_|

Utilizzando questi passaggi precedenti, eseguiremo un semplice esempio dell'approccio di associazione dei dati degli oggetti. Useremo il nome della classe come GsonEmployee4. Quindi, il nome del file dovrebbe essere salvato come GsonEmployee4.java. In questo esempio, visualizzeremo le informazioni di un dipendente contenenti nome, ID, posizione, età e città.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Ora devi compilare il tuo codice. Segui il comando seguente per la compilazione.

|_+_|

Esegui il tuo codice usando il comando,

|_+_|

Otterrai il seguente output:

|_+_|

Qui, abbiamo osservato l'approccio Data Binding di Gson per l'elaborazione di JSON con esempi. Osserviamo ora un altro approccio di elaborazione JSON.

API di streaming in Gson

L'API di streaming è un altro modulo di Gson per l'elaborazione di JSON. Nell'approccio Streaming API, il valore JSON viene letto e scritto come token. Questo approccio considera ogni valore JSON come un evento discreto. Qui, JsonReader legge i dati JSON e JsonWriter scrive i dati Json come token. Quindi, è noto come JsonToken.

L'API di streaming è molto nota per il monitoraggio accurato di tutti i dati JSON. In questo articolo vedremo la lettura dei dati JSON utilizzando il metodo Streaming API. Il processo di lettura dei dati JSON avviene come segue:

  • Poiché ci stiamo concentrando sulla lettura dei dati JSON, utilizzeremo la funzione JsonReader(). Innanzitutto, devi generare un oggetto della funzione JsonReader() e passare questo oggetto al testo JSON.
|_+_|

Qui, 'jsread' è l'oggetto della funzione JsonReader().

  • Dopo aver creato un oggetto, inizia a leggere il testo JSON con quell'oggetto e ottieni il token.
|_+_|
  • Infine, devi controllare il tipo di token che ottieni dopo aver letto il testo JSON.
|_+_|

Vedremo un esempio di JsonReader. Prendi il nome della classe come EmployeeRead. Assicurati di salvare il nome del file come EmployeeRead.java in C:

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Per compilare il codice sopra, digitare il comando come segue,

|_+_|

Dopo la compilazione, eseguire il programma utilizzando la riga di codice seguente,

|_+_|

L'output sarà il seguente:

|_+_|

Si trattava dell'approccio Streaming API per l'elaborazione di JSON. Passiamo ora alla forma finale, il modello ad albero.

Modello ad albero in Gson

L'ultimo approccio all'elaborazione di JSON offerto da Gson è il modello ad albero. Come suggerisce il nome, rappresenta il documento JSON in una struttura ad albero. Questa struttura ad albero coinvolge i nodi JsonObject. Il modello ad albero è simile al parser DOM di XML. Vediamo ora come creare un albero e come attraversarlo.

Come creare un albero da un documento JSON?

Per creare l'albero dal documento JSON, utilizzeremo il metodo JsonParser(). Il metodo JsonParser() contiene un puntatore, che legge il documento JSON e punta alla radice dell'albero. Usando un singolo nodo radice, possiamo attraversare un intero albero. Ecco un piccolo codice che ti aiuterà a creare un albero dai dati JSON.

Segui i passaggi seguenti per creare un albero dai dati JSON:

  • Il metodo JsonParser() viene utilizzato per creare un albero. Il primo passaggio consiste nel creare l'istanza o l'oggetto del metodo JsonParser().
|_+_|

Qui, 'jsparser' è l'oggetto del metodo JsonParser().

  • Il passaggio successivo consiste nello specificare la stringa o i dati JSON che desideri rappresentare in una struttura ad albero.
|_+_|
  • L'ultimo passaggio consiste nel creare un albero dai dati sopra specificati.
|_+_|

Come attraversare un albero?

Abbiamo visto come creare un albero dai dati JSON. Ora osserveremo come attraversare l'albero progettato dal documento JSON. Per attraversare l'albero, devi vedere il percorso di ogni nodo da quel particolare nodo al nodo radice. Ecco un piccolo codice per guidarti sull'attraversamento di un albero.

|_+_|

Questo era un esempio più semplice di attraversare l'albero. Ora avremo una singola istanza di creazione e attraversamento dell'albero dai dati jSON. Creeremo un nome di classe come GsonTree. Pertanto, assicurati di salvare il file con il nome, GsonTree.java, in C:>Gson_WORKSPACE.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Per compilare il programma sopra, utilizzare il comando seguente,

|_+_|

Dopo la compilazione, è necessario eseguire utilizzando il codice seguente,

|_+_|

L'output verrà visualizzato come segue:

|_+_|

Abbiamo visto tutti e tre i moduli di elaborazione JSON offerti da Gson con i rispettivi esempi. Eseguiamo ora alcuni esempi di serializzazione e deserializzazione in Gson.

Esempi di serializzazione e deserializzazione in Gson

Questa sezione ti fornirà alcuni esempi di serializzazione e deserializzazione semplici e diretti in Gson. Esamineremo esempi di array, raccolte e tipi generici.

Esempio di array in Gson

Presenteremo qui un piccolo codice per una migliore comprensione della serializzazione e deserializzazione degli array.

|_+_|

Ora eseguiremo un codice completo, che ti farà capire la serializzazione e la deserializzazione degli array. Creeremo una classe GsonColor. Assicurati di salvare il tuo file Java, denominato GsonColor.java, in C:>GSON_WORKSPACE.

Esempio:

|_+_|

Produzione:

Per compilare il codice sopra, digitare il comando seguente,

|_+_|

Esegui il codice sopra usando il comando come segue,

|_+_|

L'output verrà visualizzato come:

|_+_|

Esempio di generici in Gson

In Gson, c'è un'API di riflessione Java. Questa API è utile per identificare il tipo di oggetto a cui è mappata la stringa o il valore JSON. Quando usi generici in Gson, il valore JSON rappresentato nel rispettivo tipo di oggetto non è disponibile nella serializzazione. Pertanto, per superare questo problema nei generici Gson, esiste una classe, com.google.gson.reflect.TypeToken. La funzione principale di questa classe è quella di contenere l'oggetto generico.

Avremo un esempio di tipo generico di seguito. Creiamo una classe, GsonGenerics. Assicurati di salvare il file del programma Java in C:>GSON_WORKSPACE con il nome GsonGenerics.java

Esempio

|_+_|

Produzione

Compila il codice sopra usando il comando

|_+_|

Esegui il codice usando il comando seguente

|_+_|

Il programma sopra, quando eseguito, genererà il seguente output.

|_+_|

Esempio di raccolte in Gson

L'esempio delle raccolte in Gson include il metodo ArrayList(). Ecco un piccolo codice di blocco per comprendere l'esempio delle raccolte di serializzazione e deserializzazione in Gson.

|_+_|

Questo era il piccolo codice. Ora esaminiamo alcune righe di codice più grandi che rappresentano la serializzazione e la deserializzazione delle raccolte in Gson. Creare una classe GsonCollection e salvare il file di programma Java con il nome GsonCollection.java. Salva il file in C:>GSON_WORKSPACE.

Esempio

|_+_|

Produzione

Compila il file usando il comando seguente,

|_+_|

Esegui il file sopra digitando quindi il seguente comando sul prompt dei comandi,

|_+_|

Quello che segue è il risultato del programma di riscossione di cui sopra in Gson.

|_+_|

Conclusione

Gson è un toolkit che consente di convertire una stringa o un valore JSON nel rispettivo oggetto Java e l'oggetto Java nella sua stringa o valore JSON equivalente. Gson offre tre diversi approcci di elaborazione per JSON.

  • Data Binding trasforma il valore JSON in POJO e POJO nel rispettivo valore JSON.
  • L'approccio Streaming API utilizza JsonReader e JsonWriter per leggere e scrivere dati JSON come token.
  • Il metodo del modello ad albero rappresenta il documento JSON in una struttura ad albero.

Abbiamo visto come impostare la variabile d'ambiente per Gson. Dopo aver impostato la variabile di ambiente Gson, esegui il codice Gson. Successivamente, puoi vedere un esempio di serializzazione di oggetti. Nella serializzazione degli oggetti, il documento JSON viene letto nell'oggetto Java e l'oggetto Java viene letto nel rispettivo documento JSON.

Successivamente, abbiamo visto il semplice programma Gson e i metodi della classe Gson. Ciascun approccio di elaborazione JSON, Data Binding, Tree Model e Streaming API viene spiegato con un esempio ciascuno. Successivamente, abbiamo trattato gli esempi di serializzazione e deserializzazione in Gson. Abbiamo eseguito un esempio di array, un esempio di tipo generico e un esempio di raccolte.